giovedì, luglio 31, 2008

Shame on you Mr. Rogge

Jacques, Count Rogge is the eighth president of the International Olympic Committee (IOC).



Tainted by censorship
July 31, 2008 - from www.theglobeandmail.com

The International Olympic Committee's collusion in Chinese repression of foreign journalists more than confirms the fears of those who opposed awarding the games to the authoritarian state. It surpasses them. By making a secret agreement with Chinese authorities to block foreign reporters' access to some Internet sites, including Amnesty International's, the IOC has given the world's imprimatur to China's repression of its own people.

Weren't the Olympics supposed to change China? That was the hope from the wishful thinkers and apologists when Beijing was awarded the Games in July, 2001, and from the IOC itself. "Possibly today this opens a new era for China," said Juan Antonio Samaranch, then the IOC's president. His successor, Jacques Rogge, dropped the qualifier. "We are convinced that the Olympics Games will improve the human-rights record [in China]," he said in April, 2002. He went on to say that the IOC is "a responsible organization" and that if human rights were not respected, "then we will act." China itself promised "complete freedom to report."

Instead, China has changed the Olympics. The IOC did act, but only to appease the Chinese authorities, in spite of Mr. Rogge's declaration two weeks ago that "there will be no censorship on the Internet." The IOC has always insisted it is above politics, but its willingness to play along with Chinese censorship is an irresponsible political act. It should have shown more backbone.

In the best tradition of censorship, the IOC did not announce what it had done, perhaps in the belief no one would notice - more wishful thinking. It came to journalists' attention when they tried to look up an Amnesty International report this week on how the human-rights situation in China remains dismal. After queries from reporters, an IOC news official, Kevin Gosper, said he had just learned of the agreement with the Chinese authorities. Now that the censorship (which extends to some portions of this newspaper's website) is public, another official claims the IOC will press China to reconsider.

For China to break its promise is galling but not surprising. For the IOC to effectively participate in Chinese censorship casts the Olympic movement into disrepute.

La Savino e l'etica




Elvira Savino è una meravigliosa deputata del PdL pugliese. Nel suo sito alla voce curriculum scrive: Sono nata a Castellana Grotte (Bari), il 6 giugno del 1977. Risiedo a Conversano (Bari). Nel 2003, mi sono laureata in Economia e Commercio, a Bari, con una tesi in politica economica (voto: 110 e lode). Ho seguito, sempre nel 2003, un corso di specializzazione per il miglioramento continuo dei processi aziendali con uno studio approfondito dei modelli di eccellenza e leadership etica, alla Camera di commercio, a Bari.

Adesso mi sembra di ricordare che i pianisti siano illegali a Montecitorio e una che fa una tesi sull'etica dovrebbe saperlo....o no?

mercoledì, luglio 30, 2008

Mediaset against the world

Non ci sono parole. Si tratta però di una battaglia importante. Se Mediaset, come mi auguro, perderà l'eventuale processo, questo fatto farà giurisprudenza. E comunque, anche se a Cologno Monzese anziché puntare su programmi brutti cercassero di realizzare programmi di qualità, non Amici o boiate del genere, béh, forse non si ritroverebbero in questa situazione. Invito i blogger a registrare i loro siti FUORI dall'Italia in modo da mettersi al riparo da eventuali rappresaglie legali di attori come l'azienda del biscione.

da Repubblica.it
Mediaset contro YouTube. "Sfrutta i nostri video"

MILANO- Mediaset vuole 500 milioni di euro da YouTube e Google. Secondo l'azienda di Cologno Monzese, i due portali sono colpevoli di "illecita diffusione e sfruttamento commerciale di file audio-video di proprietà delle società del gruppo" e per questo motivo li ha citati in giudizio.

Secondo quanto riferito da Mediaset, sul portale di video più famoso del web sono presenti 4.463 filmati di proprietà dell'azienda pari ad oltre 325 ore di programmazione. Materiale per il quale You Tube, ovviamente, non ha tirato fuori un euro. Ma non finisce qui. Nell'atto d'accusa l'azienda italiana sottolinea "che alla luce dei contatti rilevati e vista la quantità dei documenti presenti illecitamente sul sito è possibile stabilire che le nostre tre reti televisive italiane abbiano perduto ben 315.672 giornate di visione da parte dei telespettatori".

La richiesta di risarcimento, naturalmente, è verso Google, proprietaria del celebre sito di condivisione video. La cifra di 500 milioni di euro secondo Mediaset è però destinata ad aumentare perché fa notare il gruppo "al danno emergente bisognerà aggiungere le perdite subite per la mancata vendita di spazi pubblicitari sui programmi illecitamente diffusi in rete".

Lucariello on Saviano

Cappotto di legno


Judges must be killed

It happened in Sicily

Music Mafia

this is not a movie.....


Rai on Youtube



Uno dei rischi di Youtube è di doversi sottoporre alle critiche degli utenti. Il 99,9% di coloro i quali postano video, accettano il gioco, ovvero le critiche. Tutti tranne la RAI. Andate sul canale Rai di Youtube. Ciccate sui video più discussi (most discussed per chi lavora in Rai e non sa l'inglese) . Troverete 0, ZERO, commenti. Sono stati tutti cassati. Che in Rai conoscano il significato del termine vergogna mi sembra abbastanza improbabile. Io comunque mi limito a segnalare questa ennesima tristezza. È proprio il sistema italiano che non accetta la discussione.

martedì, luglio 29, 2008

Bombing people


After bombing, Turkish leader urges unity.

From International Herald Tribune

By Sebnem Arsu Published: July 29, 2008

ISTANBUL: Prime Minister Recep Tayyip Erdogan, eight government ministers and thousands of mourners stood as burial prayers were said at a local mosque on Monday for 10 of the 17 victims of Sunday's double bombing. The coffins, like many houses in the area around the bombing site, were draped with Turkey's red-and-white flag.

On Monday, the country's highest court began considering a prosecutor's contention that Erdogan's party, Justice and Development, or AK, had brought Islamic practices into politics in violation of the founding principles of the Turkish republic.

If the party is found guilty, it could be banned and 71 senior members, including President Abdullah Gul and Prime Minister Erdogan, could be barred from politics for five years. The court is expected to reach its verdict in two weeks.

Before the funeral, Erdogan visited the site of the attack, in the Gungoren neighborhood, alluding to the case as he called for calm and urged nationwide solidarity. "Our problem or issue right now is not the closure of AK Party, but the problem that Turkey struggles with," Erdogan said in a televised press briefing. "Our problem is to maintain unity and togetherness so that our nation can attain a better position."

As he spoke, local residents chanted slogans against a Kurdish separatist group that is suspected in the bombing.

The group, the PKK, or Kurdistan Workers' Party, which has been the target of an intense Turkish military campaign, denied responsibility in a statement on Monday to Firat, a pro-Kurdish news agency.

But the governor of Istanbul, Muammer Guler, told the Anatolian News Agency: "Of course there are links with the separatist organization. We hope to catch the assailants as soon as possible. Right now, we are thoroughly filtering the footage from shops' security cameras and the public surveillance camera network."

The bombs, which detonated as residents walked about in the cool of the evening in Gungoren, killed at least five children and wounded more than a hundred people, Turkish officials said Monday. A small explosive placed in a garbage bin went off first, drawing onlookers. About 10 minutes later, a second, much more powerful device exploded.

On Sunday, the Turkish military announced that fighter jets had hit 12 PKK targets inside northern Iraq, and there was speculation that the double bombing was retaliatory.

The PKK has denied attacks in the past, only to claim them later, including an attack in Diyarbakir, in the southeast, that killed five people early this year, and another in Ankara that killed six in 2007, said Sedat Laciner, a terrorism expert at the International Strategic Research Organization, based in Ankara. The Kurdish group's armed struggle for autonomy in southeastern Turkey has claimed more than 30,000 lives since the early 1980s.

There were similarities to attacks previously claimed by Kurdish rebels. The police have identified the device in the second blast as a fragmentation bomb, which, according to the Anka News Agency, used RDX, one of the explosive elements used in previous PKK attacks. The placement of explosives in garbage bins in residential areas has also been a PKK tactic.

Mustafa Civelek, 48, who runs a parking lot 150 yards from the scene, hung a Turkish flag in his window on Monday morning. "The flag stands for my country's unity and our solidarity," Civelek said. "My country's peace and stability are just too strong to be shattered by acts of a few marauders."

The attack was the most deadly in Istanbul in five years. In 2003, an obscure group linked to Al Qaeda carried out four suicide attacks in Istanbul against British and Jewish targets, killing more than 60 people and wounding hundreds. This month, gunmen opened fire outside the United States Consulate in Istanbul, and three police officers and three attackers were killed. The authorities said the attackers had ties to Al Qaeda.

Lynsey Addario contributed reporting from Istanbul and Graham Bowley from New York.

A BOMB ATTACK IS ALWAYS DISGUSTING. THIS ONE IS EVEN WORSE THAN THE OTHERS BECAUSE THE SECOND ENGINE EXPLODED WHEN PEOPLE WERE BACK TO THE PLACE OF THE FIRST BOMB. EVERYTHING HAPPENED IN A POPULAR AREA, NOT IN TAKSIM. LIKE IN OMAHA. SAME SONS OF A BITCH.

Altre sagaci mosse del Berlusconi-ter


Manovra, allarme assegni sociali. A rischio per gli anziani più poveri. La Lega aveva cercato di escludere gli extracomunitari
ma la modifica (almeno 10 anni di contributi) ha colpito tanta altra gente


di FRANCESCO MIMMO per la Repubblica
ROMA - Casalinghe, anziani poveri, suore e frati: tra di loro ci sono quasi ottocentomila cittadini che rischiano di perdere la pensione sociale. L'assegno di assistenza (fino a 400 euro) che l'Inps eroga a chi ha un basso reddito è stato cancellato da un emendamento al decreto che contiene la manovra e se non ci saranno interventi correttivi salterà dal primo gennaio del 2009.

La norma è stata introdotta dalla Camera in sede di conversione del decreto che nel frattempo il governo ha "blindato" escludendo la presentazione di emendamenti nel passaggio al Senato. Dopo il caso precari, un altro intervento sul welfare che ha suscitato dure critiche.

La modifica è nata da una richiesta della Lega in chiave anti-immigrazione (per frenare i ricongiungimenti familiari), che ha portato il governo a prevedere che l'assegno sociale spetti solo a chi ha lavorato e versato contributi per 10 anni continuativi. Solo che nel calderone sono finite anche le casalinghe e altre categorie che, non avendo versato contributi, perderanno l'assegno. Dopo le dure critiche arrivate dall'opposizione, dal sindacato e dalle associazioni (dalle Acli è arrivato il primo allarme) il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, ha parlato di possibili modifiche. Ma non nel decreto per il quale il governo ha deciso di non presentare emendamenti. La "sede idonea" sarà il disegno di legge di accompagnamento alla Finanziaria che conterrà ulteriori misure di intervento, che proseguirà l'iter parlamentare nei prossimi mesi e sarà approvato entro fine anno.

AGGIUNGO QUALCOSA. FRAPPORSI IN QUESTO MODO A SACROSANTI DIRITTI COME IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE TERRÀ, E GIUSTAMENTE, LONTANI DALL'ITALIA IMMIGRATI CHE SAREBBERO UTILI AL PAESE. A CHE SERVE ANDARE A LAVORARE IN UN PAESE CHE NON TI VUOLE, NON TI DÀ DIRITTI, Né DIRITTO DI VOTO ANCHE SE PAGHI LE TASSE E CONTRIBUISCI ALLA CRESCITA DELLA NAZIONE? MOLTA GENTE SI LIMITERÀ A VENIRE IN ITALIA FARE SOLDI MANDARLI A CASA E ANDARSENE PRIMA POSSIBILE. NON MI SEMBRA MOLTO DEMOCRATICO INOLTRE, CHE UN PAESE DI 60 MILIONI DI ABITANTI SIA OSTAGGIO DI UN PARTITO COME A LEGA FORTE SÌ, MA SOLO IN ALCUNE REGIONI.

lunedì, luglio 28, 2008

Killer

Sorry Liv I had to put this in my blog

Luxuria-Guadagno

Vladimir in un morigerato manifesto elettorale per PRC





Ho intervistato anni fa nella sua bella casa al Pigneto Vladimir Luxuria, all'epoca cuore del Muccassassina, uno degli happening più divertenti delle notti romane. Vivevo ancora in Italia. Il tipo mi piacque: persona di cultura, sveglio, divertente. In politica si è un po' guastato. Non so se la sua presenza all'Isola dei Famosi sia un male o meno (in fondo personaggio dello spettacolo Luxuria lo è sempre stato), ma il pezzo de Riformista stavolta è troppo divertente per non metterlo.

SE “LIBERAZIONE” CONFONDE LUXURIA CON LA CUCCARINI…

Luca Mastrantonio per “Il Riformista”
Ma non erano i berlusconiani i profeti della politica tutta nani e ballerine? Si stigmatizza un fare politica che è tutto microfoni e boutade, push up e silicone. E poi ci si ritrovo con un Cavallo di Troia dentro le proprie mura. (…) Luxuria ha detto che andrà sull'Isola dei famosi per rivendicare i diritti degli indios. Perfetto. Allora Briatore ha aperto il Billionaire per dare lavoro ai minatori sardi disoccupati, il Club med è una ong che lavora per migliorare le condizioni di vita sulle rive del Mediterraneo e via coglionando il mondo… Berlusconi è sceso in campo per salvare l'Italia dalla dittatura comunista, Massimo Moratti è stato messo alla guida dell'Inter per le sue doti di amministratore oculato e abile nei profitti.

Su Liberazione è scoppiato il caso, con decine e decine di lettere dei lettori che, giustamente, più che indignarsi hanno un conato di vomito per la scelta di Guadagno - nomen omen - che mentre il partito si spacca, si dà alla macchia politica in primo piano televisivo. (…) C'è chi dice che è il «punto massimo della tv spazzatura», ma forse è il punto massimo della politica spazzatura. Quella che si rinfaccia a Berlusconi ma il Cavaliere ha solo avuto la faccia tosta di sdoganare per primo. Alla fine, Luxuria si è dimostrato un politico fast-food, roba da “Drive in”. Solo l'esibizionismo e il più insignificante cinismo possono portare una persona che si è spacciata per politica, per impegnata, a rifugiarsi in un luogo non luogo, pieno di mucillagine umana. (…) Certo che se uno mette in fila gente come Guadagno e Caruso, capisce perché Bertinotti ha fatto questa fine. Eppure su Liberazione, Angela Azzaro sostiene che, forse, il «conflitto, quel conflitto tanto evocato, cercato, amato» può passare «anche attraverso la possibilità di entrare nelle case degli italiani e delle italiane». Sì, Scavolini. La casa degli italiani. Luxuria, cuccata da Bertinotti, come la Cuccarini. Ma la domanda è: quanto guadagna il Guadagno?

Nonsologossip




Giornalisticamente è uno dei temi più interessanti d'Italia: la relazione fra Silvio Berlusconi e sua moglie Veronica. In un ambiente giornalisticamente ridicolo come quello del belpaese ben pochi hanno il coraggio di rimestare nel torbido di questa saga familiare che potrebbe decidere il destino del gruppo Mediaset. Perché non tanto gli avversari politici o la magistratura, quanto l'amore di Silvio Berlusconi per le donne rischia di costare carissimo al padrone della PdL e dell'impero mediatico da lui fondato. Chissà quanto durerà quest'operazione di maquillage estivo.....


Maria Corbi per La Stampa


Rimatrimonio in crociera. Lui, Silvio. Lei, Veronica. Di nuovo insieme dopo anni di vacanze separate, mano nella mano a Portofino, figli di primo e secondo letto tutti insieme appassionatamente. E non fa niente che lei, Veronica, abbia i capelli da maga-magò, una scollatura troppo generosa per una first lady e lui, Silvio, abbia un look total black poco adatto all’estate. L'importante è la cornice rosa in cui mettere questo nuovo scatto di famiglia.


Niente di casuale, dicono in molti, ma il tentativo di rimettere insieme oltre ai cocci di un rapporto anche quelli di immagine causa intercettopoli. Foto posate a Portofino, foto che sembrano rubate a villa Certosa, con i nipotini che razzolano sul pontile, premier e signora sempre mano nella mano, anche se lo sembrano, sfocate, imprecise. Prese da un potente zoom, certo, ma sicuramente scattate da chi è stato autorizzato a transitare nelle acque al largo della villa che da quando c’è il premier sono presidiate da eserciti di guardie del corpo.

Si parla di una esclusiva concessa a un pool di agenzie fotografiche del luogo, nessun prescelto per non scatenare la rabbia dei paparazzi esclusi. Nasce così uno scoop e soprattutto va in scena la nuova stagione di Veronica e Silvio innamorati. Una pace veloce dopo anni di separazione di fatto con lei rinchiusa a Macherio e lui a Arcore. Lei impegnata con i figli e la sua vita new age e lui con il governo dell'Italia.


Divisi da intercettopoli e dalla generosità del «ri-sposo» per le povere fanciulle del sottobosco televisivo in cerca di sponsor. Con la «risposa», che non sopporta più un marito troppo espansivo con attrici, conduttrici, veline. Scrive libri, dà interviste, manda lettere ai giornali per far capire a Silvio che così non si può andare avanti. Ma non rompe, dicono i soliti bene informati, perché in gioco c'è la spartizione dell'impero economico.

Lui vorrebbe fare fifty-fifty tra i figli di lei e quelli della prima moglie. Lei vorrebbe invece una successione regolare con spartizione delle quote che renderebbe di fatto i figliastri Marina e Piersilvio soci di minoranza. E mentre la saga va avanti le casalinghe, quelle sempre sintonizzate sul Tg di Emilio Fede, si innervosiscono nel vedere il loro Silvio descritto come uno sciupafemmine.


Per loro va bene un Silvio galante ma non troppo descritto bene dalla frase pronunciata durante un convegno di An: «Vedo laggiù in prima fila rappresentanti di notevole livello estetico. Sapete che sono innamorato di mia moglie, ma non ho perso il senso estetico e noto delle gambe straordinarie che circolano».



In gioco c'è l'affetto delle casalinghe, il futuro del governo e della leadership nel pdl, credibilità internazionale. Si chiamano in aiuto le testate giornalistiche del gruppo. Ed ecco le foto «rubate» dei due risposi su «Chi» ma anche una pagina sul «Giornale», quotidiano di Paolo Berlusconi dove qualcuno si lascia prendere la mano nello scrivere questo romanzo rosa estivo: «Un momento di serenità privata: per il compleanno della moglie Veronica, Berlusconi ha radunato tutta la famiglia in Sardegna. Ci sono i figli, i nipotini, i giochi, le gite in barca, piccoli scampoli di ordinario lusso e straordinaria felicità». Per la «straordinaria felicità» c’è da mettere a punto il sorriso di Veronica.

Ma in questi «scampoli di ordinario lusso», sarebbe comunque ingeneroso vedere solo lo spot. Chi conosce bene la moglie di Berlusconi sa che non si sarebbe mai prestata a una farsa, come tutta la sua storia di moglie battagliera dimostra. Tornata dal suo viaggio solitario si è piazzata a villa Certosa decisa a non lasciare il campo libero al marito e a essere un po’ più presente come invocano orde di elettrici del pdl che qualche scusante al loro Silvio non la vogliono fare mancare.


Lui, dopo qualche momento di sgomento ha ceduto a questa estate in famiglia (con ospiti internazionali come il presidente Mubarak) deciso a non lasciarsi scappare la moglie e soprattutto a farlo sapere a tutta l'Italia. Base in Sardegna e qualche gita come quella nella villa di Paraggi con tappa a Portofino sullo Yacht di Marina e cena da Puny.

Una nuova luna di miele tra scampoli di ordinario lusso» che nel buen retiro di villa Certosa significano un teatro greco-romano per le esibizioni con Apicella, campo di calcio, statua della donna-cavallo, l'angolo dei dolmen, la piscina con acqua di mare a forma di palma per la talassoterapia con intorno i cactus, finti nuraghi, laghetti artificiali e in mezzo isolette. Due cuori e diverse capanne miliardarie.

Mi manda Capone

domenica, luglio 27, 2008

Guzzanti massone (il figlio)

Con il senno di poi potrebbe essere un pezzo di oggi. Lode a youtube

sabato, luglio 26, 2008

Giustizia lavorativa



Manovra, stop al reintegro dei precari. Proteste di Cgil e Cisl: «Norma iniqua»
La misura, una volta diventata legge, impedirà di ottenere la stabilizzazione del rapporto lavorativo

da corriere.it
ROMA - Le imprese, in caso di irregolarità, non saranno più obbligate a trasformare in tempo indeterminato il contratto dei lavoratori precari. Lo prevede un emendamento del governo, approvato dalla Commissione Bilancio della Camera e recepito dal maxiemendamento, che preclude ai lavoratori precari la possibilità di ottenere dal magistrato la stabilizzazione del rapporto. Se il Senato non modificherà il testo, la condizione di precario potrebbe così diventare permanente.

STOP AL REINTEGRO - Con la nuova norma il giudice dovrà limitarsi ad applicare all'azienda una sanzione di entità variabile tra le 2,5 e le 6 mensilità (la stessa prevista per le imprese al di sotto dei 15 dipendenti). Finora, invece, il giudice che riscontrava irregolarità sul ricorso ad uno o più contratti a termine, poteva obbligare il datore di lavoro a riammettere in servizio il lavoratore con un contratto a tempo indeterminato. Non sarà più così.

CONTRATTI A TERMINE DIVENTANO INFINITI - La nuova norma si dovrà applicare anche ai giudizi in corso all'entrata in vigore della legge. Stando così le cose, il datore di lavoro potrà effettuare una serie pressochè infinita di contratti a termine, rischiando al massimo una sanzione di importo pari a sei mensilità.

CGIL, «NORMA INIQUA» - La norma anti-precari ha scatenato le reazioni della Cgil. «Si aumenta la disparità tra lavoratori e imprese», dando a queste ultime «mano libera» sull'utilizzo dei contratti a termine - spiega Fulvio Fammoni, segretario confederale della Cgil con delega al mercato del lavoro. È una misura «molto negativa - aggiunge Fammoni - che lascia aperta ogni possibilità per le aziende sull'uso del contratto a termine, senza che, in caso di irregolarità, queste abbiano alcuna ripercussione futura».

CISL, «GRAVI LE INCONGRUENZE» - Anche la Cisl tuona contro la norma, giudicata «sbagliata». Il giudizio del segretario confederale della Cisl, Giorgio Santini, sulla misura è negativo. Sotto accusa non solo «il problema dell'indennizzo», ma soprattutto il fatto che «un contratto non corretto viene considerato nullo». In questo modo, spiega Santini, «il lavoratore, non solo non può essere riammesso sul posto di lavoro, per decisione del giudice, con un contratto a tempo indeterminato, ma rimane anche senza il contratto a termine». Insomma «l'eventuale errore dell'azienda non viene sanzionato a vantaggio del lavoratore» che resta senza lavoro. Il segretario confederale della Cisl invita pertanto il Governo a «porre rimedio ad una evidente e grave incongruenza».

CONFINDUSTRIA: «LA DIREZIONE E' GIUSTA» - Il giudizio del direttore generale di Confindustria, Maurizio Beretta, è invece positivo. Secondo gli industriali la norma «va nella giusta direzione». «Un poco di semplificazione - spiega Beretta - e minor rigidità è quello che serve al mercato del lavoro. In questo, come in altri casi, non è di sanzioni che abbiamo bisogno ma di norme praticabili, che abbiano un senso logico rispetto alla reale situazione».

Il Giannini furioso

Da tempo la Repubblica non si capisce bene che cosa voglia. Il suo vicedirettore Giannini, un personaggio almeno come commentatore politico a mio parere un cicinino sopravvalutato, forse, ha scritto questo j'accuse.


INSULTI & INGIURIE
Massimo Giannini per La Repubblica

Un destino ineluttabile accomuna i presidenti della Repubblica che hanno avuto la ventura di condividere la difficile «coabitazione» istituzionale con un premier come Berlusconi. Per un pezzo d´Italia che considera il Cavaliere un «golpista», e non un presidente del Consiglio scelto democraticamente dai cittadini attraverso il sacro rito repubblicano delle libere elezioni, gli inquilini del Quirinale non fanno mai abbastanza per combattere o abbattere il Tiranno.

CONCETTO SBAGLIATO E SPIEGHERÒ DOPO PERCHé

È toccato a Carlo Azeglio Ciampi, che nonostante abbia bocciato e rinviato alle Camere le due leggi più politicamente «sensibili» della seconda legislatura dell´uomo di Arcore (la riforma delle tv e la riforma dell´ordinamento giudiziario) ha subìto più di un assedio dagli estremisti del girotondismo e patito più di un´accusa dai professionisti dell´antiberlusconismo.

ESTREMISTI DEL GIROTONDISMO? SCUSA GIANNINI, MA CHI SEI PER DEFINIRE ESTREMISTI PERSONAGGI CHE SI SONO LIMITATI A: CIRCONDARE CON UNA CATENA UMANA I PALAZZI DI GIUSTIZIA PER NON FARE SENTIRE I GIUDICI SOLI; GRIDARE VERGOGNA CON MORETTI ALL'INDIRIZZO DEL PALAZZO, CHIEDERE CHE IN ITALIA SI RISPETTINO LEGGI ACCETTATE DAPPERTUTTO? MAI I GIROTONDINI HANNO, PER ESEMPIO, ALZATO IL DITO MEDIO PER L'INNO O, CHESSÒ, DETTO CHE IL PRESIDENTE AVESSE OTTENUTO LA SUA LAUREA GRAZIE AI SERVIZI SEGRETI (PERCHé IL PRESIDENTE, CARO COLLEGA, è UN CITTADINO COME TUTTI, NON UN SOVRANO INFALLIBILE)

Oggi tocca a Giorgio Napolitano, che nonostante l´impeccabile gestione dei passaggi più delicati dell´innaturale metamorfosi del bipolarismo italiano (la crisi del governo Prodi, il fallimento delle riforma elettorale e l´avvento del terzo governo Berlusconi) subisce i soliti strattoni da un´opposizione di palazzo che non si rassegna alla sconfitta e pretende il sovvertimento dei principi della sovranità parlamentare. E patisce le offese da un´opposizione di piazza che non conosce le regole ed esige la battaglia tra le istituzioni al di fuori dei paletti dell´architettura costituzionale.

IMPECCABILE GESTIONE? SE UNO CREDE CHE DELLE LEGGI SIANO INCOSTIUZIONALI NON LE FIRMA E PUNTO. SE LE FIRMA CONTRO LE PROPRIE CONVINZIONI NON PUÒ PRETENDERE IL RISPETTO DEI CITTADINI.

L´offensiva è partita con il «vaffa-day» grillista dell´8 luglio, che ha preso a pretesto (giusto) le leggi-canaglia del premier per sviluppare una forsennata (e insensata) batteria di «fuoco amico»: contro il Pd, contro Veltroni, e soprattutto contro il Quirinale. Poi è toccato a Di Pietro, che ha cavalcato Piazza Navona con una disinvoltura a dir poco irresponsabile, all´insegna del nuovo motto consolatorio e pre-rivoluzionario: «Il regime non passerà!».

FUOCO-AMICO? VEDI GIANNINI, IO SONO DEL SUD E QUANDO SENTO LE SPARATE DI BOSSI (CHE CREDO FACCIA PARTE DI QUESTO GOVERNO) CRITICARE I PROFESSORI DEL SUD E POI, DIECI MINUTI DOPO AI TIGGÌ, DALLA VIVA VOCE DI FASSINO, SENTIRE CHE CON QUESTA GENTE BISOGNA DIALOGARE.... VEDI GIANNINI, IO M'INDIGNO.

Poi è stata la volta dell´Unità, che sia pure con tutto il garbo possibile ha spiegato comunque al capo dello Stato che promulgare la legge sulle immunità delle quattro alte cariche dello Stato è come apporre la firma su quello che Guido Carli, in altri tempi, avrebbe chiamato un «atto sedizioso». Infine, in un crescendo di qualunquismo e di pressappochismo, è Beppe Grillo a tornare sul «luogo del delitto». E stavolta non con la critica politica, ma con l´insulto personale.

MORFEO è INSULTO PERSONALE?

«Napolitano è in salute?», si chiede il nuovo Torquemada della mediocrazia italiana sul suo blog. Si fa la domanda, e si dà la risposta. «La salute può essere l´unica giustificazione del suo comportamento. Vorrei essere rassicurato se è in grado di esercitare ancora il suo incarico e per quanto tempo. Se possibile disporre della sua cartella sanitaria...».

DECIDETEVI: O TRATTATE GRILLO DA POLITICO (E ALLORA SONO DICHIARAZIONI POLITICHE QUELLE CHE FA), O LO TRATTATE DA GUITTO (E UN GUITTO, SI SA, PUÒ DIRE CIÒ CHE VUOLE PER STRAPPARE IL SORRISO)

Sono parole che si commentano da sole. E non meriterebbero neanche una replica. Dopo la manifestazione dell´8 luglio avevamo parlato di "subcultura", suscitando su Internet la reazione sdegnata dei grillisti. Di fronte alla nuova invettiva del Grande Imbonitore, non sapremmo trovare una definizione migliore. Ma una replica s´impone, perché queste parole riflettono una malattia diffusa, che è nata in una certa destra ma ormai sembrano attecchita anche in una certa sinistra: l´uso congiunturale della Costituzione e l´abuso conflittuale delle istituzioni.

NON MERITEREBBERO UNA REPLICA? SONO MESI CHE REPUBBLICA è SCHIERATA E QUESTO ARTICOLO NE è L'ENNESIMA PROVA.

Nel caso di specie (il lodo Alfano) Napolitano ha fatto il suo dovere. Ha firmato una legge varata dal Parlamento. Poteva respingerla, se vi fossero emerse antinomie palesi e profili di manifesta incostituzionalità (combinato disposto degli articoli 74 e 87 della Carta fondamentale). Ma nella legge sull´immunità queste «falle» pregiudiziali non compaiono. Il governo ha persino recepito alcuni rilievi con i quali la Corte costituzionale aveva decretato nel gennaio 2004 l´illegittimità dell´analogo Lodo Schifani.

LA QUESTIONE MORALE, LA SEMPLICE OPPORTUNITÀ DI UNA LEGGE CHE IL PAESE HA DETTO DI NON VOLERE, CARO GIANNINI è QUALCOSA CHE AVREBBE POTUTO FAR SOPRASSEDERE IL CAPO DELLO STATO.

Vogliamo rassicurare Grillo e i grillisti: il presidente della Repubblica non solo è in ottima salute sul piano fisico e mentale, ma è anche in perfetta forma sul piano politico e istituzionale. I militanti del «vaffa» dovrebbero sapere che Napolitano non è Sarkozy o Bush e che il nostro capo dello Stato non può prevaricare le Camere, senza trasformare la repubblica parlamentare in regime presidenziale.

INSOMMA GIANNINI, VI SENTITE TUTTI I GIORNI TU E IL CAPO DELLO STATO PER AVERE QUESTE NOTIZIE DI PRIMA MANO?

E dovrebbero sapere che il sindacato definitivo sulla costituzionaltà delle leggi non spetta al Quirinale, ma compete invece alla Consulta. Non capire tutto questo, e continuare a sparare a casaccio sul Quartier Generale, per certa sinistra barricadera è un errore uguale e contrario a quello che sta compiendo la destra egemone. È un altro modo per snaturare la dialettica democratica, e per alterare il fisiologico bilanciamento dei poteri.

AFFERMAZIONE RISPETTABILE, MA SI TRATTA DI UN'IDEA PERSONALE. GIANNINI FORSE DOVRESTI RILEGGERTI LA COSTITUZIONE

La critica al Colle non configura di per sé un reato di «lesa maestà». Ma andrebbe per lo meno ben motivata, e ben argomentata. A chi giova, invece, l´ingiuria gratuita? A chi conviene trascinare anche Napolitano dentro la palude indistinta del senso comune dominante, dove tutto è sempre e solo «casta», dove si annacquano i distinguo e si accorciano le distanze, dove tutti sono uguali e ugualmente meritevoli di sberleffo satirico, di disprezzo pubblico, di condanna morale?

La vera, subdola insidia del berlusconismo, l´ossimoro della «rivoluzione istituzionale» che incarna, la deriva di «autoritarismo plebiscitario» che rappresenta, meritano risposte diverse, più forti e più alte. E regalare Napolitano al solo Popolo delle Libertà, invece che lasciarlo a rappresentare tutto il popolo italiano, non è solo un clamoroso svarione tattico, ma è anche e soprattutto un rovinoso errore politico.

NO GIANNINI, NON è L'INSIDIA DEL BERLUSCONISMO, è L'INSIDIA DI QUESTA MANIERA DI FARE POLITICA. TURARSI IL NASO NON BASTA PIÙ. ANCHE A SINISTRA CI SONO MASCALZONI. NON USARE TERMINI ORMAI DESUETI COME IL BERLUSCONISCMO A MÒ DI MANTRA. BERLUSCONI NON ERA E NON è ELEGGIBILE PER UNA LEGGE DELLO STATO DISATTESA E ANCORA IN VIGORE, MA IL CAPO DELLO STATO DOVREBBE AVERE UN ATTEGGIAMENTO PIÙ CONSONO A QUELLI CHE SONO I SUOI CONVINCIMENTI. SE CREDE CHE ALCUNE LEGGI SIANO INCOSTITUZIONALI LE RESPINGA. SE LE FIRMA SAREMO IN MOLTI A RITENERE CHE LE ABBIA CONSIDERATE LECITE. E IL GIUDIZIO MORALE VERRÀ DI CONSEGUENZA.

Un angolino tutto per me



Blue, un esemplare di bovaro australiano, guarda sconsolato l'acqua che lo circonda dal suo rifugio in un vaso di fiori a San Carlos, in Texas, stato americano interessato dal passaggio dell'uragano Dolly(The Monitor, Alex Jones / Ap)

La monnezza di Roma




Francesco Bonazzi per “L’espresso”
In Italia c'è un vecchietto di 84 anni che se domani chiudesse i cancelli dei suoi terreni alla periferia di Roma farebbe cadere il governo in poche ore. Se questo signore con i capelli bianchi decidesse di buttare le chiavi della sua 'tenuta' di Malagrotta e bloccasse i camion della spazzatura all'ingresso, rispedirebbe al mittente le 4.500 tonnellate d'immondizia prodotte ogni giorno dalla capitale e dalla Città del Vaticano. La spazzatura di Gianni Alemanno e quella del Papa.

Uno scenario di fronte al quale l'emergenza rifiuti della Campania sembrerebbe una passeggiata tra i colori e i profumi del Golfo, mentre le immagini del Colosseo inondato dai sacchetti spopolerebbero su Internet e sui telegiornali di tutto il mondo. Così, perfino Silvio Berlusconi, il premier che ha dichiarato di aver già ripulito Napoli, sarebbe costretto ad andare in pellegrinaggio dal signor Manlio Cerroni da Pisoniano, borgo di 700 anime arrampicato sui monti Prenestini, a una cinquantina di chilometri dalla capitale.

Tutto questo per fortuna non accadrà mai, almeno finché Cerroni continuerà a comportarsi da imprenditore responsabile e avveduto. E finché la regione Lazio (nonostante le prediche e le multe minacciate da Bruxelles) consentirà alla discarica di Malagrotta di operare oltre il termine di saturazione, che dal 2005 continua provvidenzialmente a slittare.

Tuttavia, lo scenario apocalittico della spazzatura che assedia il Cupolone e copre Piazza Navona aiuta a capire perché Cerroni sia diventato uno degli uomini più potenti d'Italia. Un personaggio con il quale i politici romani fanno i conti silenziosamente fin dal 1975, anno in cui si narra abbia esordito con lo smaltimento dei rifiuti del mattatoio di Testaccio, ma con il quale devono ormai misurarsi anche il governo nazionale e chiunque sia interessato alla gran corsa all'oro rappresentata dai nuovi termovalorizzatori.

Fuori dai confini laziali, l'ottavo re di Roma continua ad essere conosciuto solo dagli addetti ai lavori. Merito soprattutto della riservatezza con la quale Re Manlio ha saputo costruire sulla spazzatura e sui fanghi di scarto un impero gigantesco, capace di operare a Brescia come in Australia, a Perugia come in Romania, in Puglia come in Albania. E poi Francia, Brasile e Norvegia, perché sul suo impero non tramonta mai il sole.

Il tutto senza una holding di controllo, senza una banca di riferimento, senza una sola poltrona accettata nel mondo della finanza o della politica. Cerroni ha messo su un impero a ragnatela, con decine di società che fatturano almeno 800 milioni l'anno, ma poi lo trovi socio di riferimento solo della metà di Malagrotta e di poco altro. Per il resto, preferisce operare in consorzi locali dove compaiono le varie municipalizzate dei rifiuti e dell'energia, dove è complicatissimo capire chi comanda a termine di codici, ma dove a mezza bocca tutti dicono che comanda sempre lui.


Il complesso della discarica romana visto dai satelliti di Google
E dove non c'è lui ci sono le figlie (a Perugia e a Brescia) o collaboratori legati da rapporti ultratrentennali. Secondo stime ufficiose che circolano in ambienti bancari, l'impero di Cerroni varrebbe oltre due miliardi. Ma non essendosi né quotato né indebitato, sono cifre molto aleatorie.

La sua forza non è solo l'evidente potere che gli conferisce il fatto di essere presente in mezzo mondo e di essere "il monopolista assoluto dello smaltimento rifiuti" nei comuni di Roma, Ciampino, Fiumicino e della Città del Vaticano (come ha scritto nel 2004 la commissione parlamentare d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti). La sua abilità è anche quella di non aver mai frequentato quei salotti della capitale dove il potere romano si annusa, si struscia, ammicca, si esibisce e alla fine si mescola in una macedonia ricca più di veleni che di vitamine.

Al massimo 'l'Avvocato', come lo chiamano con deferenza i suoi dipendenti senza stare tanto a sottilizzare se alla laurea in legge sia seguita anche l'abilitazione professionale, lo puoi incontrare a piedi per l'Eur o sul suo Suv, mentre controlla personalmente le discariche di Malagrotta (con i suoi 250 ettari, la più grande d'Europa) o i terreni di Albano laziale (ai Castelli), dove tutto è pronto per costruire un nuovo termovalorizzatore.

E se gli altri suoi nomignoli locali sono 'il Re della monnezza' o 'il Signore di Malagrotta' è solo perché giusto ai nomignoli bisogna affidarsi. Il suo volto non dice nulla né ai romani né agli italiani. Nessuno lo ha mai visto fare anticamere nei ministeri, né battere i corridoi dei palazzi regionali, del ministero dell'Ambiente o mostrarsi in foto o in tivù. Non rilascia interviste neppure al canale 'Roma Uno Tv', che pure gli appartiene. Non ne ha bisogno. È così ricco che se volesse potrebbe salvare senza fatica la Roma dai 300 e passa milioni di debiti che soffocano il suo vecchio amico Franco Sensi con l'ex Banca di Roma.

Ma, anche se Cerroni è un supertifoso dei giallorossi, neppure Cesare Geronzi potrebbe mai chiederglielo sul serio perché lui non deve nulla a nessuno. L'unica debolezza, se proprio la si vuol chiamare tale, è quella per Pisoniano, del quale è un benefattore riconosciuto. Tempo fa ha salvato anche la locale squadra di pallone, ma senza impegnarsi direttamente: pure al suo paese ha preferito mandare avanti un giovane avvocato romano di sua fiducia. Bastavano pochi soldi (la squadra milita in serie D), eppure li ha fatti un po' sudare. Forse non a caso Pisoniano è dominato da un monte di nome Guadàgnalo.

Guadagnare consensi, al centro come a destra e sinistra, non è mai stato un problema per Cerroni. Nessuno conosce con esattezza le sue attuali idee politiche e neppure se ne abbia. Così si è sussurrato che fosse vicino ad Andreotti solo perché ha fatto fortuna nella zona dove meglio regnava il Divo Giulio, ovvero Roma e il basso Lazio. Ma tra le poche confidenze politiche mai sfuggitegli c'è semmai quella di una stima sconfinata per Alcide De Gasperi. Poi si è mormorato di una sua vicinanza alla Margherita e al centro-sinistra in generale, visto che gli impianti dove tratta i rifiuti sono in gran parte dislocati in aree amministrate da giunte di quel colore. Però è anche un fatto che non ha mai avuto problemi ad andare d'accordo con Francesco Storace, esattamente come non ne ha con Piero Marrazzo e con chiunque ne prenderà il posto alla regione Lazio nel 2010.

Pare che il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, non lo ami particolarmente, come neppure il neosenatore del Pdl Giuseppe Ciarrapico, che con i suoi giornali si diverte a punzecchiarlo. Ma anche nel centrodestra riconoscono a 'Re Manlio' equidistanza e professionalità. Certo, si potrebbe osservare che se nel Lazio la raccolta differenziata rimane a livelli da ridere (più o meno il 15 per cento), una qualche responsabilità l'avrà anche Cerroni.
Ma a chi a quattr'occhi gli fa notare la faccenda, lui risponde con due dati di fatto e una cifra tutta sua: il gruppo da trent'anni smaltisce tutto quello che la città gli chiede di smaltire e applica tariffe tra le più economiche d'Italia "grazie alle quali Roma ha risparmiato negli anni oltre un miliardo". Intanto, Cerroni guarda al futuro: tanto che sta già investendo milioni nei termovalorizzatori di domani. Perché i rifiuti (e i politici) passano, Re Manlio no.

UN TESORO NELL'INCENERITORE…
Da “L’espresso”
L'unica certezza è che entro il 2013 il Lazio dovrà chiudere gradualmente le sue quattro discariche, come impone la normativa europea. Oltre a Malagrotta, quindi, bisognerà mettere i lucchetti alle discariche di Guidonia, Bracciano e Latina. Sempre entro cinque anni, secondo l'ultimo piano della Regione guidata da Piero Marrazzo, la metà dei rifiuti laziali dovrà essere raccolta in modo differenziato. L'altro 50 per cento andrà trattato in modo da ottenere un composto chiamato 'Cdr', da smaltire poi nei cosiddetti termovalorizzatori.

Il piano da un miliardo di euro varato dalla Regione prevede di arrivare nel giro di cinque anni ad avere quattro impianti: due ci sono già e sono quelli di Colleferro e di San Vittore, il terzo è in costruzione a Malagrotta (una linea è già pronta, le altre due lo saranno a breve) e l'ultimo potrebbe sorgere ad Albano su terreni di Cerroni. Cerroni starebbe anche per rilevare, insieme ad altri soci, l'impianto di Colleferro dalla Gaia. Secondo stime che circolano a Roma, significa che il suo gruppo sta investendo oltre un miliardo e mezzo di euro nei termovalorizzatori e punta a poter trattare almeno il quintuplo del 'Cdr' oggi prodotto dal Lazio. Perché così tanto? Il modello sarebbe quello della Germania, dove i termovalorizzatori bruciano praticamente tutto, salvo i rifiuti speciali, e non solo il 'Cdr'. Se un domani il Parlamento italiano cambiasse la legge, allora gli investimenti di Cerroni avrebbero improvvisamente molto, ma molto senso.

Non lo faccio apposta

Scusi per l'inferno?

Un grande reportage sull'inceneritore di Brescia che si trova qui:

http://alex321.splinder.com/post/12201764/.%3A+Alex321+nell%27inceneritore+%3A (copincollate il link e poi andate ad accendere un cero alla Madonna)

venerdì, luglio 25, 2008

Il leghista Castelli? A lavorare...




Quando si parla di casta, di gente che non merita il posto dove si trova, e Roberto Castelli è uno di questi (si può dire oppure ci si becca una querela, ministro?), è esattamente questo. Se un ministro, esponente di un partititucolo separatista come la Lega, che prende i soldi restando dentro l'esecutivo di una nazione che disprezza, si PERMETTE di minacciare Verifiche per Ryanair se non ci saranno scuse ufficiali per una pubblicità di cattivo gusto, béh, il rapporto fra i cittadini e chi li rappresenta si è interrotto. Ma come si permette costui di minacciare verifiche per una pubblicità? Se ci sono irregolarità di Ryanair, caro Castelli, le verifiche si facciano automaticamente. Altrimenti si taccia e si vada a nascondere. Oppure, meglio ancora, il Castelli si dimetta e provi a campare con lo stipendio di ministro della Padania. Non arriverebbe a fine mese? Cazzi suoi. I soldi se li faccia dare pregando il dio Po.

da Corriere.it

Ryanair attacca Bossi per aiuti ad Alitalia Leghisti furiosi:«Mai più sui loro aerei»
Manifesto della compagnia con il gestaccio del senatùr Castelli:«Dirigenti si
scusino o faremo verifiche»
ROMA - Polemiche per l'ultima campagna pubblicitaria di Ryanair. La compagnia low-cost si è scagliata ancora una volta contro i presunti aiuti di stato ad Alitalia. Per farlo ha scelto di usare il leader leghista e ministro delle Riforme, Umberto Bossi. Il senatur è stato immortalato nell'home page italiana della compagnia mentre si scatena nell'ormai celebre gesto con il dito medio alzato contro l'inno italiano.

LEGA INDIGNATA - L'iniziativa pubblicitaria della compagnia aerea irlandese ha scatenato dure reazioni da parte della Lega. «Tutto immaginavo tranne che Ryanair fosse un partito politico - ha dichiarato Roberto Castelli. In qualità di Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti mi attiverò per capire se questa sorprendente presa di posizione sia compatibile con l'attività di operatore della compagnia negli aeroporti italiani». "Ora mi auguro che arrivino immediatamente le scuse dei dirigenti - sottolinea Castelli. In ogni caso certamente io non mi avvarrò dei servizi di Ryanair».

IDV, «ITALIA ZIMBELLO INTERNAZIONALE» - Di tutt'altro parere l'opposizione. Secondo Silvana Mura, deputata dell'Italia dei Valori, per colpa di Bossi a uscirne a pezzi è l'immagine dell'Italia. «Chi di dito medio ferisce, di dito medio perisce. Questo verrebbe da dire ai leghisti che ora si scandalizzano per la trovata pubblicitaria di Ryanair, peccato che a farne le spese sia l'immagine dell'Italia - sottolinea -. Quanto sta accadendo è in primo luogo colpa del Presidente del consiglio e della sua maggioranza che hanno considerato poco più che una fanfaronata il fatto che un ministro insultasse l'inno d'Italia». «Lo avevamo detto che in ballo c'era la dignità del nostro stato e questo fatto ci da ragione - ribadisce Mura -. Se il governo italiano è il primo che dimostra di non avere a cuore la dignità dei simboli che rappresentano la nazione è inevitabile che anche all'estero la dignità dell'Italia sia vilipesa come accade con la pubblicità della compagnia aerea irlandese. Un motivo questo per rinnovare un pressante invito al governo a venire a riferire urgentemente in parlamento sulla scandalosa vicenda del ministro Bossi, invito che fino ad oggi è stato clamorosamente ignorato».

Truffa Alitalia?

decidetelo voi....eppoi volate con chi volete




Bùm.....

- BERLUSCONI PUERILE
Da “l’Unità”
Sorprende nel suo antiberlusconismo il Foglio di Giuliano Ferrara, che decolla in prima pagina con un titolo di impareggiabile chiarezza, «Il bidone nazionale», e continua, in una pagina interna, con un editoriale, «Malitalia», altrettanto chiaro nell’indicare come unica via d’uscita l’accordo con Air France-Klm, l’accordo che fu, l’accordo sacrificato alle imprese elettorali di Berlusconi: «... gettarsi nelle braccia di Air France-Klm, leader di un mercato che rigetta e uccide competitori modesti». Per evitare fraintendimenti, il Foglio scrive: «Anche quest’ultima chance è stata sprecata e ora ci si arrabatta con il puerile tentativo di tornare a un monopolio nazionale fondendo Alitalia con il suo principale concorrente AirOne. Ma la beffa ai consumatori non porterà efficienza nè redditività». Ci sarebbe da aggiungere qualcosa sul “prestito ponte”, definito «ossigeno a un malato terminale» e sulla vocazione “fallimentarista” del Foglio (in linea con Banca Intesa). Ma basta quell’aggettivo, «puerile», appiccicato al leader del governo e del Foglio...

2 - ALITALIA, A DIECI DOMANDE MANCA ANCORA LA RISPOSTA
Gianni Dragoni per “Il Sole 24 Ore
Il tempo sta per scadere per l'Alitalia. Tenuta in vita con l'iniezione "bipartisan" di 300 milioni di euro di pubblico denaro fatta il 2 maggio (il prestito "ponte", ma nessuno sa verso quale approdo), la compagnia esaurirà entro poche settimane le ultime gocce di liquidità. Anche ieri 2 milioni sono stati bruciati nelle fornaci della Magliana.

Il contatore delle perdite, aggiornato quotidianamente da Radio 24, procede nel suo ticchettio.
Non tiene conto delle liturgie di una politica che stenta a trovare una soluzione a una calamità nazionale, che coniughi il risanamento dell'aviolinea con l'offerta di voli efficienti, sicuri, puntuali, a prezzi che non siano da boutique dei cieli.
Si parla di soluzione vicina, sulla base del lavoro di Intesa Sanpaolo, per una «nuova Alitalia» con l'ingresso di imprenditori italiani.
La vecchia società dovrebbe essere commissariata e tenersi la zavorra di debiti ed esuberi.

Ma ci sono ancora troppi punti interrogativi, almeno dieci. Le ricette che oggi si profilano appaiono perdenti nel confronto con la proposta di Air FranceKlm, respinta in marzo dai sindacati e da Silvio Berlusconi.

1 - LA NUOVA MARZANO
Il piano Intesa presuppone una revisione del diritto fallimentare. Con una nuova legge Marzano si vorrebbe creare uno schermo per evitare che i soci della nuova Alitalia rispondano delle passività attuali, scaricate nella bad company. Ma è complicato varare una legge simile, sia perché la Ue potrebbe contestare aiuti di Stato alla nuova società, sia per problemi di opportunità nel momento in cui lo Stato imporrebbe un sacrificio ai creditori. Il Governo è diviso.

2 - LA STANGATA
Tra i creditori ci sono i possessori dei bond convertibili, emessi per 715 milioni nel 2002. Una quota, 445 milioni, è del Tesoro, 270 milioni sono dei risparmiatori. In caso di rimborso solo parziale, per costoro, come per altri creditori, ci sarebbe una fregatura come fu per i possessori dei bond Cirio, Parmalat, Argentina. Ma stavolta a tirare la stangata sarebbe lo Stato.

3 - IMPRENDITORI RILUTTANTI
Scarsa la disponibilità di imprenditori a mettere capitali nell'Alitalia. Probabile solo la presenza – con 100 milioni ciascuno – dei concessionari autostradali Atlantia (controllata dai Benetton) e Gavio, premiati dalla legge che regala aumenti tariffari automatici, oltre al costruttore Salvatore Ligresti, che potrebbe ottenere compensazioni con i piani per l'Expo 2015 a Milano.

4 - AIR ONE
Punto fermo del piano è l'integrazione con Air One, nata per fare concorrenza all'Alitalia, ma indebitata e bisognosa di sostegno. Tornerebbe il monopolio sui cieli nazionali, cioè biglietti più cari. Si discute anche sul valore di Air One: per il proprietario, Carlo Toto, circa 500 milioni, per altri tra 100 e 250 milioni. Toto, ricevuto ieri da Gianni Letta a Palazzo Chigi, non metterebbe denaro.

5 - ANTITRUST
L'Antitrust nazionale, severo in altri tempi per piccole operazioni, come il passaggio di Volare ad Alitalia, non manda segnali di guerra contro quest'unione. C'è però anche la competenza dell'Antitrust Ue, meno duttile alla moral suasion politica.

6 - CONFRONTO AIR FRANCE
L'offerta dei francesi conteneva l'impegno a ricapitalizzare con almeno un miliardo l'Alitalia in giugno. Denaro che oggi farebbe comodo. Senza spezzatino e senza sacrifici per i creditori. Gli esuberi sarebbero stati 2.120. Altri 3.300 lavoratori sarebbero rimasti in Az Servizi- Fintecna, con cinque anni di lavoro garantito. Con il piano Intesa si prevedono almeno 5-6mila esuberi secchi, forse 7-8mila.

7 – L'EQUIVOCO MALPENSA
La rivolta guidata dalla Lega contro i francesi era basata sull'abbandono dell'hub di Malpensa. Ma nei piani per la nuova Alitalia non si parla di rilancio dello scalo lombardo, tranne la promessa di qualche volo in più. Lufthansa ha annunciato di farvi una base con sei aerei regionali l'anno prossimo.

8 - PAGANO I CONTRIBUENTI
Nelle ipotesi di spezzatino, lo Stato potrebbe accollarsi, almeno in parte, il pagamento dei vecchi debiti della bad company. Non è stato chiarito quale sarebbe il costo per i contribuenti, ai quali è già stato addebitato l'onere del «prestito ponte » da 300 milioni.

9 - PIANO INDUSTRIALE
La ricetta è basata soprattutto su una ristrutturazione finanziaria. A parte l'impatto della riduzione di organico, non è chiaro come il piano riuscirebbe ad abbattere i costi unitari di gestione e ad espandere i ricavi, condizione necessaria per interrompere gli squilibri che durano da 15 anni.

10 - PARTNER ESTERO
La nuova Alitalia nascerebbe «italiana», solo in una seconda fase si cercherebbe un forte alleato straniero. La società sarebbe quindi debole, una compagnia regionale. Se il punto d'arrivo dev'essere comunque, come è logico, un robusto partner estero (cioè Lufthansa o Air France), non si capisce quale senso industriale abbia avuto respingere l'offerta dei francesi.

Le vacanze di Re Silvio


da Italia Oggi

«La bella estate di Silvio» così titola, in prima pagina, il Giornale, sopra un articolo affettuoso ma anche impegnato. Non a caso, l'articolo è firmato con un imponente G su sfondo nero, una specie di bandiera da pirata, che sta per Giornale. E che sta a indicare che, questo, è un pezzo che impegna più del direttore, impegna tutta la testata. Anzi, l'essenza stessa della testata. La sua spremuta, se così si potesse dire.

Il servizio del quotidiano di proprietà di Paolo Berlusconi, cioè del fratello di Silvio, parte da una copertina di Chi che è il settimanale di Silvio Berlusconi stesso. È un corto circuito mediatico di tipo familiare, intinto nel rosolio. L'immagine sfocata di Silvio con mano nella mano della gentile sposa, Veronica, immortala, dice testualmente il Giornale, «un momento di serenità privata: per il compleanno della moglie Veronica, Berlusconi ha radunato tutta la famiglia in Sardegna. Ci sono i figli, i nipotini, i giochi, le gite in barca, piccoli scampoli di ordinario lusso e straordinaria felicità». Ordinario lusso? Mah.

Proseguiamo con la prosa de il Giornale che scrive: «Il settimanale Chi coglie l'attimo, ruba (?) qualche scatto e ne fa subito la copertina dell'estate. La bella estate di Silvio». Il punto interrogativo sullo scoop di Chi è un segno di smagato realismo. Il Giornale infatti, con questo interrogativo gettato lì come una innocente e sapida spruzzata di prezzemolo, fa capire che Chi non ha «rubato» proprio niente.


Piersilvio Berlusconi e Silvia Toffanin salutano Veronica Lario
Il settimanale mondadoriano ha solo obbedito a un ordine. O forse anche solo a un invito. Altro che «rapina». Qui siamo alla combine, sia pure a fin di bene, a vantaggio cioè delle casalinghe cinquantenni di Voghera (che rappresentano il fruttuoso, in voti e in audience, pubblico di riferimento di Berlusconi).

Tali casalinghe infatti, adesso che hanno in mano Chi, possono finalmente godersi, sotto l'ombrellone di Milano Marittima o di Cesenatico, la famiglia reale di Arcore al completo (compresa tutta la discendenza) e possono anche tirare un respiro di sollievo circa le supposte nubi che supposte ministre (oh, pardon, vere ministre) che con supposti amori con il premier avevano fatto credere che quel furbacchione di Ezio Mauro, il direttore de la Repubblica, avrebbe presto avuto un'altra missiva di Veronica da pubblicare in corpo «esagerato», come direbbe il comico romagnolo Paolo Cevoli.

Ma nulla di tutto questo, dicono all'unisono Chi e il Giornale, si verificherà. Calma ragazzi, anzi ragazze, non c'è nessuna nube all'orizzonte. C'è solo «la bella estate di Silvio». Infatti il Giornale, al quale con le nostre considerazioni abbiamo lasciato poc'anzi riprendere il fiato, continua imperterrito: «Come sono lontane le lettere a la Repubblica, i pettegolezzi rilanciati dai quotidiani, i veleni delle intercettazioni più o meno esistenti». Più o meno?

Il Giornale prosegue: «Non ci sono nuvole su Villa Certosa. E, a giudicare dalla foto, nemmeno una dichiarazione di Di Pietro rilanciata dalla agenzie riuscirebbe a turbare l'armonia del quadretto». «Quadretto», ben detto. Siamo al color pastello, se non seppia, al languore tra il frinire frenetico delle cicale mentre i nipotini giocano con il secchiello. Il Giornale però, che non dimentica di essere un austero quotidiano politico e non certo un semplice settimanale di gossip e di smutandate come il suo cugino Chi, la getta risolutamente, a questo punto, sul politico scrivendo: «I girotondi, riportando in piazza le loro misere volgarità, hanno finito per costruire un monumento al Cavaliere. Che poteva pretendere di più, Berlusconi, da quest'estate? Ronaldinho al Milan? Toh, è arrivato pure quello. E, allora, mano nella mano con Veronica nel parco di Villa Certosa, non resta che gustarsi un po' di relax come si conviene. Ospite Mubarak permettendo, s'intende».

Il Giornale si commuove ma resta vigile. Non è come Chi, lui. Va bene la mano nella mano, ma anche in vacanza, per il leader, c'è sempre, dietro l'angolo, il dovere, come spiegavano, molti anni fa, a Silvio, i salesiani dell'Oratorio di via Melchiorre Gioia a Milano, quelli solidi, senza tanti grilli per la testa, quei preti che, quando c'era da giocare al pallone con i ragazzi, non si tiravano certo indietro. Anzi, se la tiravano su. La sottana nera, s'intende. Non erano ancora, quelli, tempi da clergymen o, peggio, da preti scamiciati e zazzeruti.

Il Giornale, a questo punto, dopo aver ripetuto, come un ritornello. «È la bella estate di Silvio, non c'è niente da fare», prosegue ingranando la quinta marcia: «Non è più tempo di Casini». Con la maiuscola, si intende. Il Giornale infatti si riferisce, non a casini generici, ma proprio a Pier Ferdinando Casini, detto anche Pierfurbis che anche lui, però, di casini al minuscolo, a Berlusconi ne ha fatti tanti. Ma adesso, Pierfurbis, basta, tiè, tu e tuo suocero, che tra l'altro non ti sostiene più, visto che ha ben altri affari da seguire.
«Questo», riprende il Giornale, «è il tempo della fedeltà e della serenità come testimoniano le foto con Veronica e la pace siglata con Bossi». Auguri e perepepèè entusiastici anche da parte nostra. A Silvio, a Veronica e, già che c'è, anche a Mubarak. Non si sa mai.

Ryanair again



Adesso voglio vedere se alla compagnia le rifanno multe. È la sacrosanta verità e non è che Bossi possa mettersi a criticare.

Viva la Squola!

Maledetti professori
di ILVO DIAMANTI
da Repubblica.it

IL "PROFESSORE", ormai, primeggia solo fra le professioni in declino. Che insegni alle medie o alle superiori ma anche all'università: non importa. La sua reputazione non è più quella di un tempo. Anzitutto nel suo ambiente. Nella scuola, nella stessa classe in cui insegna. Gli studenti guardano i professori senza deferenza particolare. E senza timore. In fondo, hanno stipendi da operai specializzati (ma forse nemmeno) e un'immagine sociale senza luce. Non possono essere presi a "modello" dai giovani, nel progettare la carriera futura. Molti genitori hanno redditi e posizione professionale superiori. E poi, la cultura e la conoscenza, oggi, non vanno di moda. E' almeno da vent'anni che tira un'aria sfavorevole per le professioni intellettuali. Guardate con sospetto e sufficienza.
Siamo nell'era del "mito imprenditore" . Dell'uomo di successo che si è fatto da sé. Piccolo ma bello. E ricco. Il lavoratore autonomo, l'artigiano e il commerciante. L'immobiliarista. E' "l'Italia che produce". Ha conquistato il benessere, anzi: qualcosa di più. Studiando poco. O meglio: senza bisogno di studiare troppo. In qualche caso, sfruttando conoscenze e competenze che la scuola non dà. Si pensi a quanti, giovanissimi, prima ancora di concludere gli studi, hanno intrapreso una carriera di successo nel campo della comunicazione e delle nuove tecnologie.

Competenze apprese "fuori" da scuola. Così i professori sono scivolati lungo la scala della mobilità sociale. Ai margini del mercato del lavoro. Figure laterali di un sistema - la suola pubblica - divenuto, a sua volta, laterale. Poco rispettati dagli studenti, ma anche dai genitori. I quali li criticano perché non sanno trasmettere certezze e autorità; perché non premiano il merito. Presumendo che i loro figli siano sempre meritevoli.
Si pensi all'invettiva contro i "professori meridionali" lanciata da Bossi nei giorni scorsi. Con gli occhi rivolti - anche se non unicamente - alla commissione che ha bocciato "suo figlio" agli esami di maturità. Naturalmente in base a un pregiudizio anti-padano. I più critici e insofferenti nei confronti dei professori sono, peraltro, i genitori che di professione fanno i professori. Pronti a criticare i metodi e la competenza dei loro colleghi, quando si permettono di giudicare negativamente i propri figli. Allora non ci vedono più. Perché loro la scuola e la materia la conoscono. Altro che i professori dei loro figli. Che studino di più, che si preparino meglio. (I professori, naturalmente, non i loro figli).

Va detto che i professori hanno contribuito ad alimentare questo clima. Attraverso i loro sindacati, che hanno ostacolato provvedimenti e riforme volti a promuovere percorsi di verifica e valutazione. A premiare i più presenti, i più attivi, i più aggiornati, i più qualificati. Così è sopravvissuto questo sistema, che penalizza - e scoraggia - i docenti preparati, motivati, capaci, appassionati. Peraltro, molti, moltissimi. La maggioranza. In tanti hanno preferito, piuttosto, investire in altre attività professionali, per integrare il reddito. O per ottenere le soddisfazioni che l'insegnamento, ridotto a routine, non è più in grado di offrire. Sono (siamo) diventati una categoria triste.

Negli ultimi tempi, tuttavia, il declino dei professori è divenuto più rapido. Non solo per inerzia, ma per "progetto" - dichiarato, senza infingimenti e senza giri di parole. Basta valutare le risorse destinate alla scuola e ai docenti dalle finanziarie. Basta ascoltare gli echi dei programmi di governo. Che prevedono riduzioni consistenti (di personale, ma anche di reddito): alle medie, alle superiori, all'università. Meno insegnanti, quindi. Mentre i fondi pubblici destinati alla ricerca e all'insegnamento calano di continuo. Dovrebbe subentrare il privato. Che, però, in generale se ne guarda bene. Ad eccezione delle Fondazioni bancarie. Che tanto private non sono. D'altra parte, chissenefrega. I professori, come tutti gli statali, sono una banda di fannulloni. O almeno: una categoria da tenere sotto controllo, perché spesso disamorati e impreparati. Maledetti professori. Soprattutto del Sud. Soprattutto della scuola pubblica. E - si sa - gran parte dei professori sono statali e meridionali.

Maledetti professori. Responsabili di questa generazione senza qualità e senza cultura. Senza valori. Senza regole. Senza disciplina. Mentre i genitori, le famiglie, i predicatori, i media, gli imprenditori. Loro sì che il buon esempio lo danno quotidianamente. Partecipi e protagonisti di questa società (in)civile. Ordinata, integrata, ispirata da buoni principi e tolleranza reciproca. Per non parlare del ceto politico. Pronto a supplire alle inadempienze e ai limiti della scuola. Guardate la nuova ministra: appena arrivata, ha già deciso di attribuire un ruolo determinante al voto in condotta. Con successo di pubblico e di critica.

Maledetti professori. Pretendono di insegnare in una società dove nessuno - o quasi - ritiene di aver qualcosa da imparare. Pretendono di educare in una società dove ogni categoria, ogni gruppo, ogni cellula, ogni molecola ritiene di avere il monopolio dei diritti e dei valori. Pretendono di trasmettere cultura in una società dove più della cultura conta il culturismo. Più delle conoscenze: i muscoli. Più dell'informazione critica: le veline. Una società in cui conti - anzi: esisti - solo se vai in tivù. Dove puoi dire la tua, diventare "opinionista" anche (soprattutto?) se non sai nulla. Se sei una "pupa ignorante", un tronista o un "amico" palestrato, che legge solo i titoli della stampa gossip. Una società dove nessuno ritiene di aver qualcosa da imparare. E non sopporta chi pretende - per professione - di aver qualcosa da insegnare agli altri. Dunque, una società senza "studenti". Perché dovrebbe aver bisogno di docenti?

Maledetti professori. Non servono più a nulla. Meglio abolirli per legge. E mandarli, finalmente, a lavorare.

mercoledì, luglio 23, 2008

Orrore all'idroscalo

Un manichino elettrocutato all'idroscalo di Milano per un euro

PoliZZia, PoliZZia


Notizia vecchiotta, ma m l'hanno segnalata solo oggi.

Nuove divise per i poliziotti, ma da buttare: è scritto "polizzia"

ROMA - Le ultime vittime della delocalizzazione sono i poliziotti italiani. Nel 2007 si sono visti recapitare le nuove divise con la scritta "polizzia". Proprio polizia con due "z". Risultato: inutilizzabile tutto l'immenso stock, prodotto in Polonia. Tutta colpa della stretta sulle spese. La pubblica amministrazione aveva stabilito che per le forniture gli apparati dello Stato dovevano scegliere i contratti al massimo del ribasso. Il che aveva costretto chi si occupa della fornitura del vestiario per i poliziotti ad abbandonare la ditta italiana fornitrice e a firmare il contratto con una società polacca.

Inside Scientology

Interesting report about th so-called church

martedì, luglio 22, 2008

Italia del calcio

L'Italia del calcio, si sa, ha vinto l'ultimo mondiale con una fortuna sfacciata. Ha fatto una buona partita contro la Francia agli europei poi basta. Sarà sempre peggio e la globalizzazione non c'entra nulla, è incapacità di un sistema che ormai di professionistico non ha più nulla. Ecco il motivo in questo articolo.




Portafogli aperti e vivai chiusi

di CORRADO SANNUCCI

da Repubblica.it

Kakà L'oriundizzazione delle nazionali non è un caso ma solo l'introduzione alla stranierizzazione più generale dello sport italiano. Sembrava che la norma che porta a due gli extracomunitari tesserabili fosse ininfluente, in realtà rispecchiava la tendenza dei dirigenti, la loro pigrizia di scout, la cecità delle strategie. La campagna acquisti del calcio cerca brasiliani, spesso "scarti" di altri campionati, come Ronaldinho e Baptista, la Lazio sta subendo una colonizzazione romeno-argentina, il Napoli spera con Denis di ritrovare un nuovo Vinicio, l'unico "colpo" italiano è quello della Fiorentina con Gilardino. Nessuno si è dannato per strappare a qualcuno i talenti dell'Under 21, Acquafresca e compagni devono girare l'Italia alla ricerca di squadre così povere da non potersi permettere neanche un extracomunitario.

E' uno scenario che investe tutto lo sport professionistico italiano, che in nome della competitività internazionale e della necessità di offrire uno spettacolo nazionale crede che questa sia l'unica strada percorribile, trascurando i vivai o abbandonandone troppo presto i prodotti. Le squadre che hanno vinto pochi mesi fa gli scudetti più importanti (calcio, basket e pallavolo) avevano non più di 4 (su 22) italiani in formazione: uno l'Inter, nessuno il Montepaschi Siena, tre l'Itas Trentino. I riflessi sulle nazionali sono evidenti, non a caso a Pechino l'Italia presenta una squadra nel calcio boicottata dai club, con il paradosso che il Milan dà l'ok a Ronaldinho e lo nega a Bonera, è assente nel basket, ha chance incerte nel volley.

Lo sciopero minacciato e poi rientrato dei giocatori del basket mette l'indice anche sui termini assurdi della normativa di cui si tratta: passaportati, cresciuti in Italia, poi i comunitari e gli extracomunitari (mancano solo gli equiparati di cui si inzuffa il rugby), arzigogoli regolamentari (avallati dal Coni) per impedire la norma più ovvia: hai la nazionalità, voti e sei eleggibile in nazionale? Bene, sei italiano. Non hai la nazionalità, non voti qui, non puoi indossare la maglia azzurra? Sei straniero. Semplice, no?

Blatter è stato sbeffeggiato per la sua norma del 6+5: la sua proposta è irrealistica perché gli manca il potere politico e regolamentare per imporla. Ma nella pallavolo il presidente Acosta ha imposto il 4+2, quattro nazionali e due stranieri (l'Italia avrà una deroga con il 3+3). E poi ha mandato una lettera alla Unione Europea: cari signori, smettetela di romperci le scatole, le nostre norme non infrangono nessuna vostra legge. Ognuno ingaggi quanti stranieri vuole, ma in campo dovranno essere solo due. Blatter e Acosta parlano a tutto il mondo, dalle Isole Figi, alla Malaysia, alla Guinea Bissau, parlano dello sport dei poveri e dei mondi lontani. Noi, in questo recinto di sport iperprofessionistico e per tanti aspetti estremo, ci sentiamo più furbi e crediamo che la felicità sia il palleggio di Ronaldinho a San Siro.

Karadzic beccato

Karadzic prima e adesso. Lo hanno preso sull'autobus. Un po' come Riina che girava tranquillamente a Palermo latitante da 40 anni Karazic "solo" da 13.



Il vecchietto babbo natale a sinistra è un boia. Il diavolo ha molte forme. Peccato solo che per un delinquente che finisce in trappola ce ne siano migliaia che la fanno franca.

Italia stato mafioso 1

shot da Biutiful Cauntri

Taranto e la diossina

Questa foto è stata scattata di notte dal ponte di Punta Penna. Non c'è stato alcun intervento con photoshop. Il fumo che fuoriesce in maniera continua dimostra, forse, che andrebbero fatti migliori controlli.



dal Manifesto

Taranto, una realtà dura come l'acciaio
Delusi dalle logiche congressuali dell'Arcobaleno orfani dell'«effetto Vendola», con un sindaco comunista che fatica a imporsi sulle questioni del lavoro. E quell'odore dappertutto... Contraddizioni e veleni di una città operaia governata da una sinistra che non sa più chi sono gli operai
ASTRIT DAKLI

Una città operaia governata da una sinistra che non sa più chi sono gli operai, in una regione dove la sinistra sembra quasi pentita di aver fatto eleggere - unica in Italia - un suo uomo al posto di governatore. Una città che è un gioiello d'arte e cultura e una meta turistica favolosa ma sprofonda nel degrado e viene considerata «sito ideale» per le peggiori porcherie industriali, raffinerie, degassificatori, inceneritori, perfino centrali nucleari. Una città già gravemente avvelenata dove la sinistra di governo è così debole da dover patteggiare con gli avvelenatori, snobbando gli ambientalisti.
Il panorama di Taranto 2008 si presenta davvero pieno di contraddizioni e motivi di allarme. Tanto per cominciare, l'odore. I tarantini non lo sentono più, sono assuefatti fin dalla nascita, ma chi arriva da fuori l'odore lo sente eccome, bello forte: ovunque, nella città vecchia e in quella nuova, in riva al Mar Piccolo e a quello Grande, nelle strade di periferia come nelle stanze del Palazzo di Città, sede dell'amministrazione comunale. Odor di fuliggine, carbone bruciato, metalli roventi. Un odore che i non più giovani riallacciano a ricordi antichi di nordiche città industriali, treni a vapore, ciminiere di mattoni bruni, ferriere assordanti. Un odore che chi scrive incontra ogni tanto in qualche vetusto centro industriale ex sovietico. L'odore dell'Ilva.
Produzione secondaria gratuita
L'Ilva: già Italsider, massimo polo siderurgico europeo, ex industria di stato e ora feudo privato di padron Emilio Riva, 14mila posti di lavoro (erano 40mila una ventina d'anni fa, ai tempi delle partecipazioni statali), in gran parte occupati da giovani e giovanissimi; una poderosa produzione di acciaio, 10milioni di tonnellate annue, con profitti enormi, e una piccola produzione secondaria, non commercializzata ma sparsa nell'atmosfera e consegnata gratuitamente alla cittadinanza di Taranto: 172 grammi all'anno di diossina, tanta quanta ne producono le industrie di Svezia, Austria, Spagna e Gran Bretagna tutte insieme. Taranto è l'Ilva, da 45 anni. Poco altro: il porto (che in gran parte serve l'Ilva), la base della Marina militare, la raffineria dell'Agip. Tutta la vita cittadina ruota intorno a questa sola fabbrica, dopo che nei decenni scorsi sono andate via altre industrie importanti, anche se più piccole (cantieristica, meccanica).
Una città operaia, di lavoro pesante, manuale; una città dove vedi per strada un numero insolitamente alto di invalidi, di disabili, di anziani più malridotti di quel che sarebbe normale per l'età. Una città con forti tradizioni di sinistra, anche. Sindaci comunisti e socialisti per decenni nel dopoguerra, nel mare democristiano del Mezzogiorno. E di nuovo un sindaco comunista da un anno in qua, Ezio Stefàno, iscritto a Rifondazione, sostenuto da varie liste civiche, con Pd e destre all'opposizione, dopo che la precedente amministrazione di centrodestra è affondata in un «buco» di bilancio di un miliardo di euro fatto di corruzione e clientelismo - roba che neanche uno stato di medie dimensioni riesce a fare. Stefàno si è insediato in condizioni difficilissime: «Abbiamo trovato la piazza e il ponte davanti al municipio occupati dai lavoratori assunti dalla vecchia giunta per il servizio di pulizie degli uffici comunali: oltre 600 persone, dove ne servirebbero sì e no un centinaio», racconta Mario Pennuzzi, assessore al welfare, anche lui iscritto al Prc.
Il personale del comune è invece scarso e carente di qualificazione e motivazioni, troppi sono arrivati lì per vie clientelari; è difficile fare qualunque cosa, anche la più banale, mentre ogni giorno c'è qualche nuovo dramma, case che vengono occupate, scuole che vanno a pezzi. «Ogni mattina una coda di questuanti con il loro problema individuale che pensano di aver diritto a veder risolto prima degli altri solo perché conoscono l'assessore o il consigliere comunale... Stefàno e tutti noi cerchiamo di mettere pezze dappertutto, ma non so fino a quando potremo resistere».
Dai partiti arcobaleno non viene molto aiuto. «I dirigenti locali sono tutti presi con i congressi e delegano i problemi della città a chi sta nei ruoli amministrativi» - dice Maurizio Baccaro, 30 anni di cui 4 spesi dentro Rifondazione. «Non sono stati capaci di tirarsi fuori dal trend suicida e autoreferenziale dei gruppi dirigenti nazionali. Personalmente sono davvero deluso».
Anche Luca Del Ton, 28enne ormai ex militante del Pdci, è estremamente critico con i partiti arcobaleno, i cui dirigenti locali «hanno visto nelle dinamiche congressuali la possibilità di sopravvivere al disastro semplicemente schierandosi con i presunti vincitori. E non pensano al perché ci sia stato questo disastro. Sono come anestetizzati, fanno fatica a proporre cose nuove e nemmeno conoscono più le persone vere, alle quali dovrebbero rivolgersi.. Non si rendono conto, per esempio, della spaccatura che si è creata tra i giovani operai, che fanno un lavoro pesantissimo, e gli altri, precari o disoccupati, che li vedono comunque come dei privilegiati».
Un giudizio durissimo
Lo sperato «effetto Vendola» non c'è stato. Era lecito aspettarsi per la sinistra Arcobaleno un risultato non si dice buono ma almeno un po' migliore che altrove? Evidentemente no, se nell'unica regione che ha un governatore di Rifondazione, e in particolare in uno dei pochi comuni capoluogo con un sindaco anche lui di Rifondazione, il voto di aprile ha visto a Taranto uno dei peggiori risultati nazionali dell'Arcobaleno. «Per forza quei nomi non hanno portato voti: non hanno fatto niente, governando». Il giudizio, durissimo e forse anche ingeneroso, tenendo conto delle difficoltà che comunque gli amministratori si sono trovati davanti, è di Francesco Vinci, cinquantenne con un passato in Democrazia Proletaria e un presente di attivista per i diritti dei disabili; e si riferisce soprattutto al tema drammatico della sanità in Puglia, «un tema su cui Vendola aveva fatto la campagna elettorale promettendo molte cose che poi non ha fatto. Le liste d'attesa che dovevano sparire sono invece aumentate, le associazioni non sono state ascoltate quando è stato steso il piano salute, abbiamo visto onorevoli del Prc difendere o addirittura vantare strutture che sono dei veri lager per disabili. Le vecchie logiche con cui gli amministratori gestivano i rapporti con le strutture private, dai bandi di concorso ai finanziamenti, tutto continua come prima. Io sono molto, molto deluso. E non sono certo il solo».
Su un terreno contiguo a quello della sanità, cioè la tutela ambientale e la lotta all'inquinamento, anche ad Alessandro Marescotti, esponente di Peacelink e animatore di diverse iniziative ambientaliste, dispiace quel che il governatore ha finora fatto, almeno in relazione ai problemi di Taranto. «Avevamo sperato in lui, l'abbiamo votato tutti perché doveva incarnare il cambiamento, la partecipazione... Invece diciamo, per star leggeri, che ci sono difficoltà di comunicazione. Non risponde neanche alle e-mail che le associazioni gli inviano, non ha mai fatto sapere come stavano le cose con il progetto per il rigassificatore, abbiamo avuto con 6 mesi di ritardo, e solo insistendo furiosamente, i documenti dello studio di impatto ambientale che giacevano in regione... No, diciamo pure che con Vendola e il gruppo che gli sta intorno si è rotto un rapporto di fiducia e ormai abbiamo capito che dobbiamo comportarci con la sua giunta come con qualsiasi altra, fare i cani da guardia». Il punto che più amareggia gli ambientalisti è che il governatore sistematicamente usa - e paga profumatamente - consulenti «neutri», che spesso sono apertamente favorevoli agli inquinatori e hanno lavorato per precedenti amministrazioni di destra, invece di rivolgersi al vasto e gratuito patrimonio di esperti e scienziati che sarebbero felici di dargli consigli e valutazioni tecniche. Caso estremo, l'ok dato dal consulente Vito Balice - e accolto dal governatore - al piano dell'Ilva per la riduzione dell'inquinamento, «negli stessi giorni in cui Vendola veniva a Taranto a promettere ai bambini che sarebbe salito sulle barricate se l'inquinamento non fosse diminuito. Il piano dell'Ilva prevede che i nuovi filtri e le altre misure di depurazione entrino in funzione nel 2014!».
Anche il sindaco Stefàno, secondo Marescotti, ha difficoltà a opporsi all'Ilva. «Si fa dare qualche spicciolo per fare delle piccole cose, e poi si lascia infinocchiare ingenuamente su quelle importanti, perché non conosce come funziona la fabbrica. La verità è che ormai la sinistra non ha più al suo interno, come aveva una volta il Pci, gli operai e i tecnici che conoscono la produzione e sanno dove e come agire. E così diventa subalterna al padrone».
Leader senza progetto
È una tesi che ritorna con veemenza durante un incontro con il Laboratorio per l'unità della sinistra, gruppo di «senza tessera», in gran parte ex dipendenti Ilva, che da alcuni mesi cerca coraggiosamente e controcorrente di opporsi ai processi disgregativi che stanno frantumando l'Arcobaleno e i suoi componenti. Per esempio Giancarlo Girardi, ex Pdci, sostiene che «la sinistra qui è al governo ma è una delle più deboli d'Italia, non ha un suo progetto, solo leader con un prestigio personale: i partiti non sono all'altezza di questo ruolo di governo, non sanno nulla del mondo della produzione e quindi fanno molta fatica a capire come funziona il dominio dell'impresa». Vicino a lui Andrea Somma, anche lui «ex» di varia sinistra: secondo cui «siamo responsabili di aver fatto finta che in Puglia e qui a Taranto abbia vinto la sinistra, prima con Vendola e poi con Stefàno. Be', non è vero. Loro sono stati eletti da gente che voleva un cambiamento dopo gestioni fallimentari e affaristiche e si è attaccata a dei personaggi bravi e onesti, ma i partiti della sinistra non c'entravano per nulla, in queste vittorie».
«Sia Rifondazione che il Pdci, per non parlar dei Verdi, qui hanno dei gruppi dirigenti affidati a consiglieri e amministratori comunali, che non hanno tempo per nient'altro al di fuori dei propri incarichi pubblici», aggiunge Annamaria Bonifazi, dell'associazione antimafia «Libera». Mentre Vincenzo Vestida, che non è un ex ma un attuale operaio Ilva, racconta con amarezza la sua esperienza di candidato Arcobaleno alle ultime politiche: «L'unico candidato operaio, in lista al 20mo posto in un collegio dove ci sono 18mila operai-elettori. E capolista è stato imposto Pecoraro Scanio, che qui nessuno può vedere. Se questo è far politica...».

Ancora l'ottimo Lapo Elkann

Sguardo vispo e intelligente, classe nel vestire, simpatia innata... sono solo alcune delle definizioni dedicate a un tizio che deve la sua notorietà esclusivamente al cognome che porta. Un altro esempio del lungimirante capitalismo italiano.




CAPRI - "E' una Fiat, dunque questo taxi è mio". Notte brava per Lapo Elkann sull'isola di Capri. A raccontarla, anche alla polizia, è un tassista che parla di parole grosse, insulti e spintoni da parte del rampollo di casa Fiat.

Secondo quanto raccontano oggi alcuni organi di stampa, all'alba di lunedì scorso, Luigi De Martino, che di mestiere fa il tassista, stava rientrando da Anacapri quando si è imbattuto in un gruppetto di ragazzi che stava spingendo un taxi fuori servizio a motore spento, una Fiat Marea. De Martino, allora, ha chiesto ai ragazzi di scendere dal taxi e di rimettere l'auto al suo posto. Ed è stato allora che Lapo Elkann avrebbe replicato: "Il taxi è una Fiat Marea, dunque è mia".

I curiosi non sono mancati, le parole grosse, sostiene il tassista, anche, fino a quando, grazie anche all'intervento di altre persone e di un altro tassista, Lapo Elkann e i suoi amici sono rientrati in albergo. Una notte brava, quella dell'erede Agnelli, iniziata nei locali storici dell'isola azzurra, tra balletti e accenni di spogliarelli.

Noto anche per questo: da gay.it

TRE TRANS CON LAPO ELKANN NELLA NOTTE DELL`OVERDOSE

(11/10/2005) Dagospia ha anticipato tutti. Nelle prime ore della mattina di Martedì la conferma: è stato un suo amico trans a chiamare l`ospedale quando Lapo è andato in overdose da mix di droghe.

Venerdì 14 Ottobre ore 14.15
Lapo Elkann è fuori pericolo da ieri e presto potrà lasciare l'ospedale Mauriziano di Torino dove era stato ricoverato Lunedì mattina, in seguito ad un'overdose di cocaina dopo una notte trascorsa a casa di Donato Broco, transessuale di origini baresi, meglio noto con il nome di Patrizia, insieme ad altri due transessuali. Le ipotesi di reato non sono state ancora formulate, anzi si prevede un non-reato legato al consumo di gruppo. Le transessuali che nelle prime ore avevano dichiarato di non aver consumato cocaina insieme a Lapo hanno evidentemente ritrattato. In via Marocchetti, vicino all'apartamento di Broco da cui fu chiamato il pronto soccorso, la Scientifica ha ritrovato alcuni ovuli di cocaina.
'Ho combinato un pasticcio' ha detto Lapo non appena tornato cosciente. Ora è stato trasferito dal reparto di terapia intensiva a quello di neuorologia. Intanto monta la polemica sulle modalità con cui il Garante ha cercato di proteggere la famiglia Elkann dalla notizia incontrovertibile che Lapo era in compagnia di transessuali. Crisalide Azione Trans Onlus ha diffuso un comunicato stampa durissimo in cui si condanna l'uso pruriginoso della notizia e si lancia una campagna di normalizzazione della presenza dei transessuali nella società

Such a shame


The picture that shames Italy

From The Independent

By Peter Popham in Rome
Tuesday, 22 July 2008

It's another balmy weekend on the beach in Naples. By the rocks, a couple soak up the southern Italian sun. A few metres away, their feet poking from under beach towels that cover their faces and bodies, lie two drowned Roma children.

The girls, Cristina, aged 16, and Violetta, 14, were buried last night as the fallout from the circumstances of their death reverberated throughout Italy.

It is an image that has crystallised the mounting disquiet in the country over the treatment of Roma, coming after camps have been burnt and the government has embarked on a bid to fingerprint every member of the minority. Two young Roma sisters had drowned at Torregaveta beach after taking a dip in treacherous waters. Their corpses were recovered from the sea – then left on the beach for hours while holidaymakers continued to sunbathe and picnic around them.

They had come to the beach on the outskirts of Naples on Saturday with another sister, Diana, nine, and a 16-year-old cousin, Manuela, to make a little money selling coloured magnets and other trinkets to sunbathers. But it was fiercely hot all day and, about 2pm, the girls surrendered to the temptation of a cooling dip – even though they apparently did not know how to swim.

"The sea was rough on Saturday," said Enzo Esposito, the national treasurer of Opera Nomadi, Italy's biggest Roma organisation. "Christina and Violetta went farther out than the other two, and a big wave came out of nowhere and dashed them on to the rocks. For a few moments, they disappeared; Manuela, who was in shallow water with Diana, came to the shore, helped out by people on the beach, and ran to try and get help."

Other reports said that lifeguards from nearby private beaches also tried to help, without success. "When Manuela and Diana came back," Esposito went on, "the bodies of her cousins had reappeared, and they were already dead."

It was the sort of tragedy that could happen on any beach. But what happened next has stunned Italy. The bodies of the two girls were laid on the sand; their sister and cousin were taken away by the police to identify and contact the parents. Some pious soul donated a couple of towels to preserve the most basic decencies. Then beach life resumed.

The indifference was taken as shocking proof that many Italians no longer have human feelings for the Roma, even though the communities have lived side by side for generations.

"This was the other terrible thing," says Mr Esposito, "besides the fact of the girls drowning: the normality. The way people continued to sunbathe, for three hours, just metres away from the bodies. They could have gone to a different beach. It's not possible that you can watch two young people die then carry on as if nothing happened. It showed a terrible lack of sensitivity and respect."

The attitudes of ordinary Italians towards the Roma, never warm, have been chilling for years, aggravated by sensational news coverage of crimes allegedly committed by Gypsies, and a widespread confusion of Roma with ordinary, non-Roma Romanians, who continue to arrive. The Berlusconi government has launched a high-profile campaign against the community, spearheaded by the programme announced by the Interior Minister, Roberto Marroni, to fingerprint the entire Roma population. The move has been condemned inside Italy and beyond as a return to the racial registers introduced by the Fascist regime in the 1930s. The fingerprinting of Roma in Naples began on 19 June.

The most senior Catholic in Naples, Cardinal Crescenzo Sepe, was quick to point out the coarsening of human sentiment which the behaviour on the beach represented. But the Mayor of Monte di Procida, the town on the outskirts of the city where Torregaveta beach is located, defended his citizens' behaviour.

When the Roma girls got into difficulties, he said: "There was a race among the bathers and the coastguard and the carabinieri to try and help them." He rejected the claim that the indifference of the bathers was due to the fact that the girls were Roma.

The two cousins were given a Christian Orthodox funeral service in the Roma camp in Naples, attended by 300 Roma and city and regional representatives.

In a speech yesterday, Mr Maroni proposed, "for humanitarian reasons", granting Italian citizenship to all Roma children in Italy abandoned by their parents.

The Italians and the Roma

Roma have been living in Italy for seven centuries and the country is home to about 150,000, who live mainly in squalid conditions in one of around 700 encampments on the outskirts of major cities such as Rome, Milan and Naples. They amount to less than 0.3 per cent of the population, one of the lowest proportions in Europe. But their poverty and resistance to integration have made them far more conspicuous than other communities. And the influx of thousands more migrants from Romania in the past year has confirmed the view of many Italians that the Gypsies and their eyesore camps are the source of all their problems. The ethnic group is often blamed for petty theft and burglaries. According to a recent newspaper survey, more than two thirds of Italians want Gypsies expelled, whether they hold Italian passports or not.